img

ZENONE E L'INFINITO

Jonathan Barnes, et al., A cura di Livio Rossetti, e Massimo Pulpito

Spesso si è sostenuto che sia la nozione di infinito a causare la paradossalità degli argomenti zenoniani. Barnes, al contrario, ritiene che in essa non ci sia nulla di incoerente o complicato. Il concetto di infinito non è difficile, tecnico o paradossale, perché non è altro che assenza di limiti in una data scala di quantità. Questa nozione non presuppone conoscenze matematiche particolarmente ricercate, né pensare l'infinito vuol dire eo ipso restare coinvolti in contraddizioni. - Ma ciò significa soltanto che la difficoltà si cela da qualche altra parte.

Spesso si è sostenuto che sia la nozione di infinito a causare la paradossalità degli argomenti zenoniani. Barnes, al contrario, ritiene che in essa non ci sia nulla di incoerente o complicato. Il concetto di infinito non è difficile, tecnico o paradossale, perché non è altro che assenza di limiti in una data scala di quantità. Questa nozione non presuppone conoscenze matematiche particolarmente ricercate, né pensare l'infinito vuol dire eo ipso restare coinvolti in contraddizioni. - Ma ciò significa soltanto che la difficoltà si cela da qualche altra parte.

Autore: Jonathan Barnes, et al., A cura di Livio Rossetti, e Massimo Pulpito

Casa Editrice: Academia Verlag

Codice ISBN: 978-3-89665-585-1

Anno Pubblicazione: 2012

ALTRI LIBRI

Eleatica

Un viaggio ultraventennale attraverso il pensiero e la scoperta